Xilografia

  X

/xi·lo·gra·fì·a/

Sostantivo femminile

Dal greco: dal greco xýlon, legno e graphia, scrittura. Scrittura su legno.

SIGNIFICATO: Nota anche con il termine silografia, la xilografia è la tecnica di stampa in rilievo più antica che si conosca. La matrice incisa, come si evince dal nome della tecnica, è in legno. Il termine viene adoperato comunemente anche per indicare la tecnica di stampa ottenuta in seguito alla pressione della matrice sul foglio di carta. Questa tecnica nasce in Europa tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo. Il legno utilizzato per realizzare le matrici dev’essere molto duro, solitamente si predilige l’acero e il ciliegio, ma anche il pero risulta adatto. Esso può essere tagliato nel senso della fibra, longitudinalmente al tronco, (legno di filo) oppure trasversalmente (legno di testa). La differenza è tale che gli strumenti utilizzati per intagliare la tavoletta differiscono in base al tipo di taglio. La stampa xilografica può essere eseguita sia a mano, premendo la carta sulla matrice, sia per mezzo di un torchio tipografico. La matrice viene inchiostra attraverso dei rulli utilizzati per distribuire a mano gli inchiostri tipografici molto coprenti.

SINONIMI di xilografia: silografia, stampa, incisione.

ESEMPI PRATICI di frasi con la parola xilografia:

La xilografia è stata indubbiamente la tecnica preferita dell’artista Escher, che l’ha adoperata in tanta parte della sua produzione.

Guardando l’abside di sinistra è possibile ammirare una rara xilografia quattrocentesca di autore anonimo.

La maggior parte degli ex-libris della mia personale collezione è stampata in xilografia a mano.