Serendipity

  S

/ser-en-dip-i-ty/

Sostantivo

SIGNIFICATO: nel linguaggio corrente serendipity (o serendipità in italiano) indica, per prima cosa, la sensazione che si prova relativamente al fare una felice scoperta non pianificata e dunque, una sorpresa piacevole. Può essere applicato anche nel caso in cui si incontri una persona per la prima volta, la cui piacevolezza è tale da renderci consapevoli di quanto non sapessimo di voler incontrare, ma dopo quel momento si.
Serendipity è usato anche in ambito scientifico e indica quando si scopre qualcosa di importante mentre si è intenti a cercare altro. 
In ambito economico, invece, serendipity viene applicato in Giappone, quando si coglie un’intuizione o una riflessione di un lavoratore e la si mette al servizio della società, attraverso il contesto aziendale.

Dall’inglese: serendipity, termine coniato dallo scrittore Horace Walpole nel 1754; serendipity si riferisce ai tre protagonisti della fiaba “I tre principi di Serendip” i quali trovavano di continuo oggetti che non stavano cercando.

ESEMPI PRATICI di frasi con la parola serendipity:

Incontrare una persona piacevole per caso, mutando il percorso della vita, andando in altra direzione da quella stabilita, provoca una sensazione di serendipity.

Nella ricerca scientifica quando si tenta di provare qualcosa e si giunge a una scoperta sensazionale, che fa notizia, rivoluzionaria, si tratta spesso di risultati che sono frutto di serendipity.